Il primo pallet della serie OTTO viene spedito ad un utilizzatore
Supportiamo le aziende nella scelta di prodotti e metodi di imballo che garantiscano unità pallettizzate omogenee e stabili, utilizzando una quantità minima di film estensibile.
Film estensibile, Filmatura pallet, metodi di imballo, pallettizzazione
1477
post-template-default,single,single-post,postid-1477,single-format-standard,wp-custom-logo,bridge-core-3.0.8,qi-blocks-1.2.8,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.5,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,transparent_content,qode-theme-ver-29.5,qode-theme-bridge,qode-wpml-enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-29

Il primo pallet della serie OTTO viene spedito ad un utilizzatore


La serie “OTTO” è il frutto di un lavoro durato 2 anni.

Ottenere un film prestirato blown a basso spessore, impiegando almeno il 30% di materie prime riciclate post consumo ha richiesto mesi di stretta collaborazione tra Se.co.pack e Trioworld.

La sfida era riuscire a ottenere un prodotto con le medesime prestazioni dei film prestirati  blown da granulo vergine di nostra produzione.

Ovviamente non era considerato accettabile che l’impiego di materie prime riciclate potesse influire negativamente sulla qualità del prodotto e sulla sua efficacia.

Sono stati quindi messe a punto nuove procedure di selezione delle materie prime, nuove ricette in fase di estrusione e nuovi investimenti in impianti di converting per  creare prodotti di elevata qualità, partendo dal principio che il  film estensibile deve contenere adeguatamente il carico e proteggere le merci spedite.

Caratterizzato dal colore trasparente/ambrato, è oggi disponibile un film prestirato blown in spessore 8my con il 30% di materie prime riciclate post consumo, prodotto in 2 versioni:

  • per impiego manuale
  • per impiego su macchine semi-automatiche senza dispositivo di prestiro

Unire la riduzione di spessore e l’impiego del 30% di materie prime riciclate presenta molteplici vantaggi in relazione all’impatto ambientale:

  • imballaggi leggeri, con minor residuo di plastica da gestire dopo l’uso
  • diminuzione della quantità di plastica prodotta, trasportata, utilizzata
  • riduzione delle materie prime vergini utilizzate
  • diminuzione dei processi estrattivi e di lavorazione per la produzione di materie prime vergini